Landarenca

Chiesa

 

Storia di costruzione della chiesa di Landarenca dedicata ai S. Bernardo e Nicolao.

(secondo Pöschel e secondo lavori d’archivio di Don Erminio Lorenzi)

5. 9. 1524

Permesso di celebrare all’altare portabile.(libro fiscale vescov.)

15 aprile 1548

Consacrazione della chiesa e del campo santo tramite il vescovo Melchiore Crivelli O.P. in onore dei santi Bernardo di Chiaravalle e Nicolao di Myra.

1611

Selma-Landarenca-Arvigo formano una parrocchia assieme, staccandosi dalla parrocchia madre di Santa Maria. Permesso di ingrandire la chiesa.

Dal 16. secolo resta a vedere l’altarino sotto l’altere maggiore, alzato a suo tempo con i due sepolcri, col pavimento fuso,che ricorda un’asside rotonda. 

1614

Data sulla tomba. Probabile data della costruzione terminata.

1626

Preparazione del materiale per il campanile sul tetto sopra la porta d’entrata.

25. 11.1680

Primo battesimo tramite il cappellano Pietro Giovan Battista de Petra.

Il bambino: Negretti Giovann Battista, figlio di Domenico di fu Martino sopranominato Catlinassa e figlio di Maria Maddalena, del fu Domenico Marghitola.

1680-1773

Cappellani residenti.

1773

Parrocchia autonoma. Parroci residenti fino al 1918.

1808

Pagato Aluiggi, Zizers, fiorini 123 per lavori di pittore.

1852

Comprato statua di San Bernardo a Turino.

1854

Indorato le due corone della Madonna col bambino.

Contratto col pittore Marelli concernente l’altare maggiore.

1875

Pietro Bellatti rinnova il tetto per 1100.-, costruisce la volta con assi e malta, con cornice a basso, rinnova l’intonaco all’interno e all’esterno.

1878

Campanile nuovo, di 12 metri, con finestra doppia, due porte.

1901

Riparazione del tetto del campanile.

1910

Riparazione della statua di san Bernardo tramite un falegname.

1914

Coperto il pavimento in piode con delle assi in larice per 100 franchi.

Pitturato tutto l’interno in grigio. Allontanato l’Annunciazione deposto la Madonna nella tomba anteriore, mentre l’Angelo è andato a pezzi.

1921

Il comune politico fa mettere un pavimento in piode davanti l’entrata della chiesa.

1926

Riparazione della chiesa tramite Fulvio Losa di Santa Maria per 100 franchi.

1931

Lepori di Bellinzona, riveste gli altari con tavole di marmo.

Due porte nuove di larice nel coro verso la sagrestia e il campanile.

1933

Fasola di Rossa, fa l’impianto elettrico.

1938

Nomina di una commissione con lo scopo di raccogliere soldi per restauro.

1960/61

Costruzione della filovia, che favorisce la visita di gente competente concernente il restauro e da un nuovo sviluppo al paese.

1963

Mensa nuova sull’altare maggiore.

1965

Prosciugamento parziale della chiesa. Deviamento dell’acqua piovana.

3. 12.  1967

L’assemblea parrocchiale decide la rinnovazione totale della chiesa.

1968

Restauro campanile e tetto doppio sulla chiesa.

1969/70

Prosciugamento totale, intonaco nuovo esterno e riparazioni all’interno, pavimento nuovo, soffitto a cassettoni, lobbia nuova, Annunciazione al suo posto, restauro altari e tabernacolo.

16. 4. 1970

Consacrazione dell’altare maggiore tramite Signor Vescovo Giovanni Vonderach.

 14.9.2007 Documento offerto dalla Pro Landarenca

Indietro